Top

Acque termali, e-Bike e turismo slow: il mio weekend di benessere a Terme della Fratta!

Amiche vi racconto del mio weekend all’insegna del wellness e del fitness in terra di Romagna!

Quest’estate col progetto Travel With The Bloggers abbiamo avuto la fortuna di andare alla scoperta dei centri termali della Romagna, regione particolarmente ricca di fonti surgive nota nel mondo come Wellness Valley, ed ho trascorso un weekend davvero rivitalizzante al Grand Hotel Terme della Fratta a Bertinoro.

Avevo spesso sentito parlare di Bertinoro ma non ci ero mai stata. Una parte d’ Italia davvero stupenda, un dipinto di dolci colline, vigneti e girasoli!

La sorgente di Fratta Terme era conosciuta sin dall’epoca romana, diventata meta di benessere da inizio ‘900, tant’è che negli anni 30 sorse il Grand Hotel Terme della Fratta, che comprende un grande parco secolare con 7 diverse acque termali, il che rende uniche queste terme in Italia per la diversità di acque!

Percorso Armonie Naturali tra acque salsobromoiodiche e acque sulfuree

Il Centro Termale e di Riabilitazione è situato all’ interno del grand hotel e dispone di reparti di fango-balneoterapia, rieducazione motoria, cure vascolari, cure inalatorie, percorso flebologico, piscina termale per riabilitazione con idromassaggi, salette relax ed una palestra con attrezzatura Technogym (la cui sede è a pochi km di distanza)

All’interno troviamo infatti il Percorso Armonie Naturali, che comprende una piscina di acque termali salsobromoiodiche, formate cioè da cloruro di sodio, iodio e bromo con azione antiinfiammatoria, una piscina di acque termali sulfuree, che stimolano i meccanismi di difesa dei tessuti ed hanno un effetto disintossicante per la pelle, idropercorso vascolare, pediluvio kneipp, sauna, bagno turco, bagno romano, docce emozionali, wasser paradise.

Naturalmente non manca la parte massaggi e trattamenti, e la bravissima Rita mi ha fatto provare due trattamenti davvero rigeneranti!
Il primo giorno, dato che avevo appena trascorso la giornata in bici, mi sono goduta un massaggio post attività fisica che ha sciolto tutte le mie tensioni accumulate, mentre il secondo giorno ho provato un trattamento completo viso&corpo con scrub ai vinaccioli che mi ha lasciato la pelle morbidissima per tutta la settimana!

Dopo queste giornate all’ insegna del benessere e dell’attività fisica, vi consiglio di gustarvi una cenetta nel nuovo ristorantino dell’hotel “Il Giardino Sospeso”, dove i colori, sapori e profumi delle creazioni sempre originali dello chef Fabio Testori saranno la ciliegina sulla torta per il risveglio dei vostri sensi!

e-Bike per tutti: scoprire la Romagna in modo slow, sostenibile e…dolcemente attivo!

Vi anticipavo prima che ho trascorso una splendida giornata in bici.

Ebbene si, il modo migliore per scoprire e gustare in modo slow e sostenibile questi paesaggi fiabeschi ricchi di borghi, sentieri e tradizioni culinarie è proprio la bici…e per essere a portata di tutti, l’hotel offre il servizio di noleggio e ricarica e-Bike ed escursioni guidate su misura!

Le e-Bike, grazie alla pedalata assistita, permettono a tutti di riscoprire il divertimento dell’attività fisica, risvegliano la muscolatura e la circolazione ma non affaticano, in quanto il motorino ci permette di mantenere un passo fluido e rilassato anche in salita!

Era davvero tanto che le volevo provare e non potevo desiderare un battesimo migliore!!  Mi sembrava di volare col vento tra i capelli e la bici sotto ai piedi che quasi andava da sola!!

Sono stata accompagnata dal simpaticissimo Luigi Barilari, guida cicloturistica Bike To, guida di fiducia dell’hotel. Potevo percepire l’entusiasmo e l’amore per questi luoghi dai suoi occhi e mi ha così contagiato che non sarei più scesa dalla bici!

Vi confesso che quando all’ inizio mi aveva chiesto se volessi fare un po’ di sterrato ero un po’ titubante, dato che avevo avuto esperienze un po’ difficoltose con la mia classica mountain bike…ciononostante mi sono voluta fidare della sua esperienza e conoscenza del territorio ed ero davvero curiosa di testare le potenzialità dell’ e-Bike.

Mi sono così fatta guidare tra campi, vigne, ulivi, ho fatto merenda con albicocche raccolte dagli alberi, esperienze che non avrei mai fatto se non mi fossi un pochino “buttata” e non mi fossi affidata alla mia esperta guida!

E’ stato veramente divertentissimo e ora voglio seriamente comprarmi un e-Bike anch’io!!!

Borghi medievali e vino naturale: la mia escursione in e-Bike a Bertinoro

Durante la nostra escursione abbiamo fatto tre tappe principali:

Abbiamo visitato la meravigliosa Fattoria Paradiso, la più antica fattoria della zona, i cui pluripremiati vini sono riconosciuti in tutto il globo e vengono richiesti da famiglie reali, Vaticano, Casa Bianca, personaggi illustri..
Due aneddoti che voglio raccontarvi, nel 1954 Mario Pezzi trovò nella tenuta tramandatagli da secoli una vite di varietà sconosciuta che battezzò “Barbarossa” ancor oggi prodotta unicamente dalla Fattoria Paradiso.
Mentre nel 1970 nasce il Vigna delle Lepri, primo Sangiovese Riserva prodotto in Romagna!

Naturalmente abbiamo visitato il borgo medievale di Bertinoro che coi suoi 328 metri rappresenta il punto più alto…che panorama!
Pensate che scavi archeologici hanno rinvenuto ciotole e altri oggetti di età preistorica che testimoniano culti legati alle acque curative!
Ai piedi della rocca troviamo la celebre Colonna dell’ Ospitalità dotata di 12 anelli, ognuno corrispondente al nome di una famiglia locale, che i forestieri potevano usare per legare le briglie dei cavalli.
Dato che in passato ospitare e dar da mangiare ad un forestiero era un grande onore per i bertinoresi, in quanto unico modo per apprendere cosa succedeva in altre località, questa colonna fu eretta proprio per regolare chi avrebbe ospitato i viandanti. A seconda dell’anello in cui veniva legato il cavallo, la famiglia corrispondente aveva il privilegio di ospitare il viaggiatore.

Infine abbiamo fatto tappa con degustazione alla Fattoria Ca’ Rossa, appartenente da tre generazioni alla famiglia di Massimo Masotti, dove tutto il raccolto viene fatto manualmente e l’erba viene lasciata libera di crescere tra i filari, per un risultato tutto naturale.
La cosa straordinaria di questa vineria che voglio raccontarvi è la loro vite di Albana piantata dal nonno di Massimo nel 1935, la pianta più vecchia di tutta la regione, mai potata, che Massimo ha deciso di vinificare per produrre un vino sopraffino, che possiamo gustare nell’ edizione limitata chiamata appunto 1935 Ultima.
Un’ anomalia davvero sorprendente studiata e controllata dai ricercatori di tutta Italia!

Casa Artusi a Forlimpopoli: scopriamo la storia della cucina domestica Italiana

Un altro posto interessantissimo da visitare nei dintorni di Fratta Terme è Casa Artusi a Forlimpopoli, il primo centro di cultura gastronomica interamente dedicato alla cucina domestica Italiana.

Pellegrino Artusi era un commerciante di Forlimpopoli, che durante i suoi continui viaggi per lo stivale si rese conto di quanto ogni regione, ogni zona, ogni paese avesse le proprie ricette tipiche, tramandate da secoli nel focolare domestico, frutto degli ingredienti di ogni terra, delle tradizioni e delle condizioni climatiche.

Nel 1891 decise cosi di raccogliere tutti i suoi appunti e “racconti” di cucina, che oggi chiameremmo ricette, in un libro chiamato La Scienza in Cucina e l’Arte di Mangiar Bene – Manuale Pratico per le Famiglie, contenente oltre 700 piatti tipici, ad oggi la collezione più completa di ricette Italiane.

Il libro ebbe un successo inaspettato, che da allora non si fermò mai e sino ai giorni nostri viene tradotto e usato come riferimento in tutto in mondo per la vera, sana e autentica cucina tradizionale Italiana.
Oggi Casa Artusi oltre ad un centro culturale e libreria è anche ristorante e scuola di cucina.

Bene amici, direi che tra cibo sano, buon vino, cultura, attività fisica, benessere e massaggi il vostro prossimo weekend di wellness a 360 gradi sapete dove trascorrerlo!!

Sito ufficiale Grand Hotel Terme della Fratta: www.termedellafratta.com